Un brindisi con il “vino nuovo” accoglie la primavera alla Cantina di Clavesana. Torna anche quest’anno la Festa del Dolcetto, dal 23 al 25 marzo con incontri, musica, gastronomia e un’anteprima della vendemmia 2017.

 

Dal 23 al 25 marzo 2018, Clavesana CN –

Tre giorni di incontri, brindisi e anteprima della vendemmia 2017: venerdì 23 marzo, alle 20,30, la cooperativa chiama a raccolta i soci per un momento di incontro e confronto. I viticoltori che conferiscono le loro uve, sollecitati dalle domande di Ermanno Bressy e del giornalista della Stampa Roberto Fiori, raccontano l’azienda vista con i loro occhi.

 

«La primavera per noi è la festa del Dolcetto nuovodice il presidente Giovanni BraccoPapa Francesco ha rivelato pochi mesi fa che lo ama molto ed è stata una piacevole sorpresa! Sarà anche un momento di bilancio e di confronto con i nostri soci: oggi sono 260 e sono l’anima dell’azienda. Soprattutto i giovani, che hanno in mano il futuro di queste terre. Sarà soprattutto una festa, un momento per riaffermare il valore sociale della cantina».

Una vendemmia scarsa, quella del 2017: «Poca uva, ma buona – conferma il direttore ed enologo Damiano Sicca – a causa del caldo dell’estate, abbiamo avuto una produzione in calo di oltre il 10 per cento, ma è un annata su cui scommettiamo».

Anticipazione, sabato 24 marzo, alle ore 20,30, con la proiezione del documentario “Sotto la neve pane” a cura di Remo Schellino, l’apertura della prima bottiglia di Dogliani vendemmia 2017.

 

Domenica 25 marzo, alle ore 9, apertura della prima bottiglia di Dogliani vendemmia 2017. Inizio delle degustazioni, dalle ore 9 fino alle ore18. Alle 13 pranzo con menù degustazione preparato dagli allievi dell’Istituto Alberghiero Giolitti Bellisario di Mondovì per accompagnare le degustazioni del Dogliani 2017.

 

Nel pomeriggio musica con Bruno Mauro e la Band. Dalle ore 15, con la biblioteca civica di Clavesana, laboratorio di lettura e disegno per i più piccoli che si conclude con un’allegra merenda. Davanti alla Cantina, l’associazione Trattori e Trattoristi di Murello (Cn) espone trattori d’epoca.

Info e prenotazioni: manuela@inclavesana.it, +39 0173 790451

 

La Cantina di Clavesana: carta d’identità

27 aprile 1959 data di nascita (32 soci fondatori)

260 soci attuali

380 ettari

2,5 milioni di bottiglie

85% della produzione è uva dolcetto

I numeri del Dogliani docg (fonte Consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani)

21 Comuni dove si produce

890 ettari di vigneti

362 aziende (335 produttori di uva; 83 vinificatori; 89 imbottigliatori dati 2017)

3,9 milioni di bottiglie prodotte annata in commercio 2017

10% valore dell’export

4.647 tonnellate di uva raccolte nella vendemmia 2017 (-12,3% sul 2016)

Il Dolcetto: a Dogliani, una storia dal 1593 –

Il Dolcetto è tra i vitigni autoctoni del Piemonte più tipici e più diffusi. In Langa vengono prodotte oltre 13 milioni di bottiglie di Dolcetto coltivato in 2360 ettari di vigneti. Sono più di 600 le aziende che lo producono. Ama i terreni calcarei marnosi delle Langhe su colline tra i 250 e i 600 metri sul livello del mare. Vitigno antico citato dagli ordinati comunali di Dogliani a partire già dal 1593. Storicamente l’uva dolcetto era la merce di scambio con la Liguria: dal mare ci si riforniva di olio, sale e acciughe (tra gli ingredienti base della bagna cauda) in cambio di vino dolcetto. L’uva veniva anche usata come baratto con i vitelli allevati in pianura così da avere nelle stalle di collina animali di razza. Oltre a essere vinificata, l’uva era consumata da mensa e considerata medicinale grazie al suo basso tenore di acidità. Negli Anni 20 e 30 del Novecento, i grappoli di Dolcetto erano spesso impiegati nella cosiddetta cura dell’uva, per il sapore delicato e il basso contenuto di acidi e tannini. È anche l’uva per eccellenza della cugnà, la mostarda d’uva che, nella tradizione culinaria piemontese, accompagna bolliti e formaggi.  Il nome del vitigno deriva dalla particolare dolcezza della polpa dell’uva. Il vino invece è asciutto, secco, poco acido e con un piacevole retrogusto amarognolo.

CANTINA CLAVESANA –

Borgo Madonna Neve, 19, 12060 Madonna della Neve, Clavesana CN

Advertisements